A chi rivolgersi in caso di problemi di allattamento?

Aggiornato il: feb 18

Dolore, ragadi, ingorghi, dotti ostruiti, mastiti… Nelle prime settimane e nei primi mesi di vita del bambino si è così prese dalle necessità immediate che spesso si fa fatica a fare un passo indietro per capire quale sia la mossa giusta da fare.


A chi rivolgersi in caso di problemi di allattamento

Nell’emergenza si pensa di fare bene a chiedere alle proprie sorelle o a un gruppo di mamme che hanno più esperienza di noi perché hanno allattato in passato o stanno allattando anche loro.


Purtroppo questa strategia tende a peggiorare le cose: nel mentre che si sta ad ascoltare e si cerca di seguire consigli dati in buona fede ma che portano quasi sempre ad un’impasse, avresti potuto contattare una consulente in allattamento qualificata che avrebbe potuto fare una consulenza completa e dare indicazioni molto più affidabili.


La consulenza ovviamente non garantisce al 100% la risoluzione del problema, un po’ perché non tutto dipende dalla teoria ma conta anche quanto #supporto si ha in casa per poter applicare i consigli, quanta #stanchezza c’è, quali aspetti psicologici legati all’esperienza del #parto appena vissuto sono in ballo...


Ma quello che è sicuro al 100% è che, se desideri continuare ad allattare al seno, uno dei migliori investimenti che puoi fare è chiamare la tua IBCLC di zona e lasciare ad amiche e sorelle il compito di darti un sostegno altro, portarti piatti già cucinati, ritirare i panni da lavare e riportarteli lavati e piegati, darti un abbraccio e dirti che sei una superamma ma anche le superamme si fanno aiutare.


L'acronimo IBCLC sta per "International Board Certified Lactation Consultant" che potrebbe essere tradotto in italiano con "Consulente Professionale in Allattamento Materno". Non è una persona che ti forzerà ad allattare a tutti i costi come si può leggere a volte su alcuni gruppi di mamme, ma è la professionista più qualificata in assoluto per risolvere le questioni di allattamento. Più dell'amica o della sorella, ma anche più dell'ostetrica, della doula o della consulente alla pari o della Leche League.


Se la consulente a cui ti sei rivolta non ha aiutato, chiamane un’altra. Forse era troppo impegnata o non c’è stato sufficiente follow-up.


Quando le mamme che seguo qui a Pisa hanno bisogno di una consulenza, chiamo sempre la IBCLC Micaela Notarangelo, ma ce ne sono tante altre. La cosa migliore è una consulenza dal vivo, ma se non fosse possibile, Micaela è attrezzata per fare anche consulenze a distanza.


Se hai una #doula a sostenerti nel post-parto, è bene che abbia preso conoscenza delle indicazioni fornite dalla IBCLC per aiutarti a seguirle e a trovare strategie per farti aiutare di più.


Infine, sarà fondamentale il sostegno della persona che ti sta accanto, che fin dall’inizio dovrà essere presente e coinvolta nella consulenza e nel seguito, anche perché è l’unica persona che possa darti un sostegno pratico quando tutti gli altri componenti del vostro #villaggio di sostegno saranno andati via.



Non mi conosci?


Ho preso la certificazione come doula nel 2009 in Italia e come postpartum doula nel 2013. Ho una formazione in allattamento materno conseguita nel 2016 (formazione base secondo il modello OMS-UNICEF) e nel 2017 (corso avanzato), e ho seguito anche una formazione sul sostegno all'allattamento dei gemelli nel 2021.

La doula è unə professionista operante nel settore del sostegno alla maternità e offre il suo sostegno emotivo, pratico e informativo alle donne e coppie durante la gravidanza e il post-parto. Non possiede alcuna formazione medica, e quindi non effettua alcuna valutazione medica né applica alcuna procedura medica e non considera, non tratta e non si pone come obiettivo la risoluzione di patologie e sintomi che sono di stretta pertinenza medica/sanitaria, non considera il proprio intervento sostitutivo a quello del medico, non fornisce ai riceventi prescrizioni farmacologiche o terapeutiche similari (preparazioni erboristiche, omeopatiche, ecc.).

Nella mia pratica come doula e peer counselor in allattamento mi avvalgo della collaborazione con le consulenti professionali in allattamento presenti sul territorio ogni volta che lo ritengo necessario per la buona prosecuzione dell'allattamento delle mie clienti.


61 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti