Come inserire il sostegno per il post-parto nella tua lista di nascita

Aggiornamento: 22 set

Se vuoi inserire il sostegno post-parto nella tua lista di nascita, ecco qui sotto un paio di strumenti online che possono essere utili, permettendo a parenti ed amici di contribuire con la somma che vogliono.


Si tratta di una soluzione anti-spreco (niente inutili acquisti materiali), che permette a chi può di dare di più, e a chi non può di contribuire anche con pochissimo ma con la soddisfazione di sapere che quel poco sarà davvero utile.


Ho trovato online due piattaforme migliori di altre per il nostro scopo. Si tratta di piattaforme che, contrariamente ad altre, permettono di specificare in cosa intendi investire i soldi raccolti.


Infatti, se intendi chiedere alle persone che ti vogliono bene di contribuire in denaro al tuo benessere post-parto, sarà più piacevole per loro fare questo dono se specifichi nel dettaglio per cosa intendi spendere i soldi ricevuti.



Cosa inserire quindi nella tua lista di nascita di servizi?


In base alla mia esperienza, ecco quello che personalmente ritengo il minimo quando si tratta di pianificare il tuo sistema di “salute e sostegno post-parto”:


  • Consulenza IBCLC

  • Pacchetto doula di sostegno post-parto

  • Visita ostetrica a domicilio dopo il rientro a casa

  • Aiuto per le pulizie

  • Osteopata per mamma e bambino

  • Psicologa perinatale


Questo elenco non è esaustivo ma penso possa essere un buon punto di partenza.


Ma di che cifre parliamo?


La consulenza in allattamento da parte di una IBCLC è una consulenza che non è paragonabile con altri tipi di sostegno all’allattamento, che sia l’ambulatorio per l’allattamento dell’ospedale o del consultorio o altri tipi di sostegno. Con una IBCLC hai la garanzia che riceverai i consigli che vanno bene nella tua situazione specifica. Consigli generici o che vanno bene per un’altra persona potrebbero non essere adeguati per te, e quindi è bene che l’aiuto sia il più qualificato possibile e personalizzato, questo che si intenda proseguire con l’allattamento al seno o passare al biberon (esempio qui). Consiglio comunque di informarsi sulle consulenti più apprezzate nella tua zona. Prezzo di una consulenza: di solito si va sugli 85-90 euro + trasferta (si arriva ad altri 60-70 euro in base alla lontananza) e la consulenza dura tutto il tempo necessario (un minimo di 2 ore di solito).


Il sostegno post-parto offerto da una doula è un tipo di cura e accudimento che permette ai neogenitori di sentirsi meglio orientati, sostenuti e rassicurati nel quotidiano. Con un neonato in casa le scelte da fare ogni giorno sono numerose e ci si può sentire smarriti in poco tempo. Cosa devo fare se il bambino si addormenta al seno e non mangia? La mia bambina piange ogni volta che la appoggio e si contrae tutta, non so se ho abbastanza latte oppure se ha le coliche. Mi sento triste dal primo giorno dopo il parto e sono spaventata, ho paura di non essere adeguata. Stiamo dando il biberon ma non abbiamo ricevuto indicazioni precise sulla modalità sicura di preparazione per evitare Salmonella enterica e Cronobacter sakazakii In tutte le situazioni tipiche del quotidiano con un neonato, la doula è una figura con un’ampia esperienza al fianco dei genitori, imparziale, formata all’ascolto, in grado di offrire un aiuto concreto e su misura per ogni famiglia. Un pacchetto di sostegno post-parto di 8 ore (4 sessioni di supporto a domicilio) costa 240 euro + eventuali trasferte. Ogni doula ha tariffe diverse quindi informati contattando le doule più vicine a casa tua.


La visita dell’ostetrica a domicilio è un’occasione per controllare lo stato di salute fisica e mentale della neomamma a qualche settimana dal parto, fare domande sull’allattamento, sulla salute del bambino, e qualsiasi dubbio possiate avere in quanto neogenitori. La considero fondamentale per andare avanti serenamente, sapendo che i primi giorni e il rientro a casa sono interamente concentrati sul bambino, e per accudire bene un bambino i genitori devono essere a loro volta in buona salute e adeguatamente informati e orientati. Prezzo della consulenza domiciliare: di solito si va sui 60 euro + eventuale trasferta. La spesa per la visita ostetrica è detraibile dalle tasse.


L’aiuto per le pulizie, se non lo hai già da prima, va previsto per un minimo di tempo dopo il parto. Anche solo qualche ora a settimana sarà di grande aiuto. Se hai già compilato il tuo Post-Partum Plan, avrai già visto che sono troppe le cose a cui pensare dopo il parto e quindi una mano in più per qualche tempo fa davvero la differenza. Un voucher (ora chiamato Libretto Famiglia INPS) per 1 ora di pulizie o aiuto domestico costa 10 euro e include già i contributi per la lavoratrice.


La visita dall’osteopata la raccomando sia prima del parto per la mamma, che dopo il parto sia per la mamma che per il bambino o la bambina. Non tutti gli osteopati trattano i neonati quindi informati sui professionisti nella tua zona. Raccogliere opinioni di mamme e papà nei gruppi o tramite passaparola è importante. Anche la tua doula può aiutarti in quel senso. L’osteopatia può aiutare a risolvere problemi della gravidanza come dolore al nervo sciatico, ma anche favorire una migliore mobilità del bacino per il parto (fondamentale!). Dopo il parto aiuta a riprendersi sia che si tratti di parto vaginale o cesareo, e per il neonato può aiutare a risolvere quanto prima difficoltà di suzione, plagiocefalia e tensioni varie. Prezzo di una seduta: di solito si va intorno ai 60-80 euro.


La psicologa perinatale permette a entrambi i neogenitori di esprimere i propri pensieri durante un periodo che è per forza trasformativo e che ci costringe ad interrogarci sui ruoli, sulla gestione familiare, sui valori e l’educazione. Se affrontate subito, e prime incomprensioni diventano una palestra di allenamento per imparare un modo di rapportarsi che sarà fondamentale in tutti gli anni a venire. Per fare questo lavoro, la psicologa perinatale sarà una guida molto preziosa. Di solito si fa appello alla psicologa perinatale più avanti, a meno che non ci siano cose da elaborare prima, in caso di traumi o difficoltà, oppure come sostegno preventivo. Prezzo di una seduta: si va intorno ai 90 euro, ma prima di inserirla nella tua lista di nascita informati vicino a casa tua perché i prezzi potrebbero variare in base alla zona d’Italia in cui ti trovi. La spesa per la psicologa perinatale è detraibile dalle tasse.



E ora che abbiamo più chiari i costi, ecco che possiamo passare allo step successivo: la lista di nascita.


Come dicevo sopra, ho individuato due piattaforme che permettono di inserire nella propria lista più voci.


La prima piattaforma è americana, ma permette di creare un account da qualsiasi posto nel mondo, ed ha il vantaggio di essere facilmente personalizzabile… se te la cavi bene con l’inglese e anche i tuoi amici e parenti (le persone a cui potenzialmente potresti chiedere di contribuire alla tua lista di nascita).


Si chiama Be Her Village. Qui trovi la mia scheda. Cliccandoci dopo esserti registrata sul sito, potrai aggiungerla alla tua lista dei desideri (apparirà il pulsante Aggiungi in basso con l’importo modificabile).


Qui trovi un esempio di come viene la tua lista una volta che hai personalizzato la tua scheda e la tua lista di nascita.


La seconda piattaforma che ho trovato è Growish. Un po’ meno comoda per quanto riguarda la personalizzazione dei desideri, ma ha il grande vantaggio di essere in italiano.


Qui trovi un esempio di come può diventare la tua lista di nascita su Growish.


Ovviamente le persone possono darti i soldi senza passare dalle piattaforme, ma trovo che sia molto utile VEDERE a cosa serviranno questi soldi, e aiuta anche a tenere veramente da parte quei soldi per quegli scopi lì.



Non mi conosci?


Mi sono formata come doula presso l’Associazione Eco Mondo Doula nel 2008, ottenendo poi la certificazione di professional post-partum support con Joy in Birthing & Bumi Sehat nel 2015 e quella di Newborn Mothers Postpartum Professional con Newborn Mothers Australia nel 2018. Dal 2013 sono socia dell'associazione Mammadoula.


Sono anche peer counselor in allattamento, avendo seguito il corso base secondo il modello OMS UNICEF nel 2016. Ho seguito poi anche il corso avanzato nel 2017, il corso sull'allattamento dei gemelli a inizio 2021, e infine un ulteriore corso di approfondimento di 35 ore sulle difficoltà in allattamento nel 2022.


Altri corsi che fanno di me la professionista che sono oggi includono: “Promozione della salute, dell’allattamento e della genitorialità responsiva nei primi 1000 giorni con un approccio transculturale” (Istituto Superiore di Sanità), “Home Visiting - Supportare le famiglie per il benessere dei bambini da 0 a 3 anni”, formazione Babywearing, Becoming Us professional workshop, Primo soccorso pediatrico, Workshop babysigns Italia.


La doula è unə professionista operante nel settore del sostegno alla genitorialità e offre il suo sostegno emotivo, pratico e informativo alle donne e coppie durante la gravidanza e il post-parto. Non si sostituisce all'ostetrica e non possiede alcuna formazione medica.


Nella mia pratica come doula e peer counselor in allattamento mi avvalgo della collaborazione con la consulente IBCLC Micaela Notarangelo o di altre consulenti professionali in allattamento presenti sul territorio ogni volta che lo ritengo necessario per la buona prosecuzione dell'allattamento delle mie clienti.

129 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti